SEZIONI NOTIZIE

Eriksen come... Sneijder: il danese è decisivo. E ora avvicina allo scudetto

di Gianfranco Rotondo
Vedi letture
Foto
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

L’uomo copertina del week-end di campionato interista è stato senza dubbio il danese Christian Eriksen che, nel preziosissimo pareggio di campionato contro il Napoli, oltre ad essere stato il migliore in campo dei suoi, è stato anche autore del gol del definitivo 1-1, con un chirurgico sinistro che ha trafitto Meret all’angolino basso. Con il gol di ieri, il danese, che è da sempre stato nel cuore dei tifosi nerazzurri fin dal suo arrivo a Milano, ha anche scardinato il tabù del non essere decisivo, facendo ricredere nuovamente i suoi detrattori.

Sì, perché la partita di ieri ci ha detto, anzi, ci ha confermato, ulteriormente, una cosa: Eriksen per questa squadra, è un elemento imprescindibile. Come lo era stato Wesley Sneijder – sia ben chiaro, con le proporzioni obbligatorie del caso – per la gloriosa squadra del Triplete. Da quando l’ex Tottenham ha messo piede in campo in maniera stabile, l’Inter ha cambiato completamente marcia e ha dato il via alla rimonta, poi diventata distacco, che sta portando alla vittoria dello scudetto.

Certo, le critiche non sono mancate: da Eriksen che non va mai oltre la sufficienza, all’Eriksen che segna poco rispetto ai suoi standard. Bene, ecco accontentati tutti. Come sempre. Perché la qualità del giocatore è impagabile. Gol al Napoli e un passettino in più verso il tricolore. Sicuramente da un giocatore del genere ci si aspetta sempre di più, come affermato dallo stesso Antonio Conte, perché ha le qualità per farlo. Ma discuterlo, come visto, è un artificio del tutto inutile. Il danese ripaga con moneta sonante. Per un’Inter che viaggia spedita verso lo scudetto, c’è un Eriksen che è decisivo.

Altre notizie
Giovedì 13 maggio 2021
21:00 Internews La cantera nerazzurra Franco Vezzoni, versatilità al servizio dei compagni 20:40 Internews Di Gennaro: “L'Inter darà il massimo contro la Juve. Basta vedere Conte e Lautaro ieri” 20:20 Internews Inter, niente conferenza stampa alla vigilia di Juve-Inter: Conte parlerà a Inter Tv 20:00 Internews Palmeri: “Molti non vedono l'ora di disgregarsi dell'Inter, hanno paura che...” 19:30 Internews Inter, prima da titolare per Radu ieri sera: la sua partita 19:00 Internews Brehme: “Conte come il Trap, due leader assoluti. L'Inter di oggi veramente unita” 18:15 Internews Inter, l’ha ripresa Vecino: l’uomo dei gol decisivi. Ma il futuro è già deciso 17:30 Internews Inter, Conte ti mette le ali: esterni decisivi, con la Roma altri due assist 16:56 Internews Inter, quanto guadagnano i giocatori della rosa? Le cifre 16:00 Internews Dimarco, il canterano diventato uomo: quando il top player è made in Inter 15:00 Internews Infortunio Sanchez, probabile distorsione alla caviglia: stagione finita? 14:30 Internews Inter, arrivano smentite sulla vicenda Lukaku: la posizione del club 14:00 Internews Zanetti: “Scudetto frutto del lavoro di Conte. Non contano solo i risultati sportivi” 13:35 Internews Inter, intervento chirurgico per Kolarov: il comunicato nerazzurro 13:15 Internews Champions League, la finale cambia sede: 12mila spettatori allo stadio 12:50 Internews Vanni a TMW: "Gli interisti pensino a godersi lo Scudetto, il resto è tempo perso" 12:30 Internews Posto in Champions, Zazzaroni: "La Juventus non toglie ancora il disturbo" 12:10 Internews Lautaro, scuse alla squadra: oggi gestirà lui la grigliata per ricucire 11:45 Internews La mamma di CR7: "Proverò a convincerlo a tornare allo Sporting" 11:20 Statistiche Inter, obiettivo quota 94: due bianconere per concludere l'opera